L'ATTIVITA' SOLARE SCENDE, LE TEMPERATURE GLOBALI SI ABBASSANO E LA GROENLANDIA GUADAGNA MASSA GLACIALE

L'evento più recente del riscaldamento naturale di El Niño ha esercitato il suo massimo effetto sulle anomalie di temperatura superficiale nel corso degli ultimi mesi del 2015 e nei primi mesi del 2016. Da allora, le temperature della superficie terrestre si sono abbassate di circa 1,2 ° C a seconda della set di dati satellitari RSS.

Nel frattempo dal periodo di settembre l'aumento della massa glaciale della Groenlandia, a causa delle continue nevicate, è stato eccezionale e da record.

Secondo un numero crescente di evidenze scientifiche, tale tendenza al raffreddamento e il trend di crescita degli strati di ghiaccio polari di crescita a breve termine come quelle precedentemente indicate possono presto diventare tendenze a lungo termine nei prossimi decenni. Come mostrato ci sono già stati 18 lavori scientifici pubblicati nel 2016 che indicano che i periodi di alta attività solare (vale a dire, il Moderno Massimo Solare del 20 ° / 21 °e il Medievale Massimo Solare del 11 ° secolo) sono associati con le tendenze del riscaldamento su scala centenaria, e periodi di bassa attività solare (dal 13 ° al 19 ° secolo la Piccola Età del Ghiaccio) sono associati con le tendenze di raffreddamento su scala centenaria.
Molti segnali sono ulteriormente visibili anche in queste settimane.

In Kazakistan recentemente la temperatura è scesa a -33°C nella capitale, un valore che non si misurava in Novembre da alcuni decenni (dal 1953).
E’ stata diramata un’allerta meteo per la possibilità che nei prossimi giorni, in specie tra il 18 ed il 19, si registrino valori sino a -40°C in alcune aree del Paese.
Il record di Astana per Novembre è di -39°C, e fu misurato nel 1953.
Secondo i meteorologi russi, erano decenni che l’intera Russia non veniva ricoperta di neve nella prima parte di Novembre. Infatti ci sono state tormente di neve ovunque, dalla parte europea sino alla Siberia e le coste dell’Oceano Pacifico come a Vladivostok.
Anche in Giappone, l'Impero del Sol Levante, sono stati registrati record di neve.

L'inverno è sceso di colpo nella città di Asahikawa con 24 ore di nevicata che hanno raggiunto i 38 cm (quasi 15 pollici).
La quantità di neve che cadde in 24 ore è stata descritta neve pesante.
A mezzogiorno nella città di Asahikawa, l'accumulo di neve ha raggiunto 44 cm, che la rende la più grande nevicata a metà novembre dall'inizio delle rilevazioni nel 1961. Anche chi aveva previsto un'inverno mite per il Nord Europa ha dovuto fare un passo indietro.
Il NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration ) è stato costretto a rivedere totalmente previsioni per il Nord Europa, per l'ennesimo anno di fila.
Il NOAA aveva previsto un inverno mite. Ora lo ha definito un "mese significativamente molto più freddo per la Scandinavia e la Russia."

Nel frattempo, Stoccolma, il Regno di Svezia viene a completare un record di 111 anni di nevicate record per il periodo.
Le previsioni in arrivo per i primi di dicembre 2016 non sono estremamente incoraggianti.

Per il periodo dicembre gennaio sembra prendere forma un'inverno in stile anni '70 con affondi di aria polare e nevicate abbondanti.
Aspettiamo di vedere se tale previsione risulta esatta.

Commenti